INICIO PAGINAFacebookYouTube


Daniel Odier




ALTRI TESTI




All'estero i libri di Daniel Odier sono pubblicati dai seguenti editori :











Biografia



Daniel Odier diviene discepolo di Kalou Rinpoché nel 1968. Segue i suoi insegnamenti e riceve da lui la trasmissione di Mahamudra. Affascinato dal Chan (lo zen cinese delle origini) studia la vicinanza tra il Chan ed il Tantra, ispirato dai lavori dell'eremita cinese Chien Ming Chen, incontrato a Kalimpong nel 1968.

Qualche anno più tardi in un eremitaggio Himalayano, Daniel segue l'insegnamento della sua maestra kashmira, la yogini Lalita Devi, dalla quale riceve nuovamente la trasmissione di Mahamudra e degli insegnamenti mistici più profondi delle scuole Pratyabhijnâ e Spanda della tradizione Kaula.

Daniel insegna poi il tantrismo ed il buddhismo in numerose università americane prima di fondare nel 1995 il centro Tantra/Chan a Parigi. Nel 2000 scioglie il centro per incoraggiare la pratica indipendente ed oggi conduce seminari in diversi Paesi.

I suoi libri sul tantrismo, tradotti in otto lingue, trattano gli aspetti più profondi della via tantrica shivaita e del Chan.

Nel 2002, Daniel ha ricevuto in Catalogna, da Kosen Sensei l'0rdinazione della tradizione Zen Sôto.

Nel 2004, in Cina, ricevuto la trasmissione del lignaggio di Zhao Zhou (778-897) Grande Maestro Chan (Zen) cinese Jing Hui, erede del dharma di Xu Yun (1839-1959) considerato come il più grande maestro cinese del XX secolo e detentore dei cinque lignaggi del Chan . Riconosciuto come Sifu (maestro Chan) Daniel riunisce così nel suo insegnamento le due vie che lo toccano più profondamente . Propone un budddhismo laico in diretto contatto con la realtà quotidiana toccando l'essenza del Chan al di fuori delle forme classiche della presa dei rifugi, dei voti e degli altri impegni formali. La pratica è centrata sulla meditazione nello stile di Zhao Zhou, momenti di meditazione alternati con una camminata viva e libera, nella pura presenza (consultare il sito www.zhaozhou-chan.com )

Daniel è anche autore di diversi romanzi, l'ultimo "L'ombre au fond du fleuve" sarà pubblicato da Albin Michel inizio 2006 .

Ha tradotto l'opera di Lalla, una poetessa e maestra kashmira del XIV sec. (Seuil), così come un'antologia di testi di Maestri Chan e Zen di Thomas Cleary pubblicata sotto il titolo "Les secrets de la méditation" (Pocket )




Consigliamo a coloro che praticano la via tantrica la lettura delle opere seguenti :



- Luce dei Tantra,
Tantraloka, Abhinavagupta a cura di Raniero Gnoli, Adelphi, 1999

- Testi dello sivaismo : Pasupatasutra, Sivasutra di Vasugupta, Spandakarika di Vasugupta con il commento di Kallata
introduzione, traduzione e note di Raniero Gnoli, Boringhieri, 1962/68

- Sivasutra di Vasugupta e Paramarthasara di Abhinavagupta
traduzione e commento a cura del Gruppo Kevala, Asram Vidya, 1987

- Libertà dal conosciuto,
Krishnamurti, Astrolabio Ubaldini, 1973

- L'alba dei Tantra,
Chogyam Trungpa e Guenther Herbert V., Astrolabio Ubaldini, 1978

- I segreti del viaggio interiore,
Muktananda, Mediterranee, 1989

- Kalì, la dea della forza al femminile,
Ajit Mookerjie, Red Edizioni, 1990

- La Kundalini e l'energia del profondo,
Lilian Silburn, Adelphi, 1997





Bibliografa scelta (tantrismo e Chan)



- Gli aforismi di Siva / Vasugupta con il commento di Khsermaraja
traduzione e note Raffaele Torrella,
Mimesis, 1999 / Ubaldini, 1979

- Essenza del Tantra - Tantrasara, a cura di Raniero Gnoli,
Rizzoli BUR, 1990 / Boringhieri, 1979

- Commento breve della Trentina Suprema
Paratrimsikalaghuitti, Boringhieri,1978 / Trento, 1998

- Sri Tritura Rahasya, la via della conoscenza,
Edizioni Il Punto d'Incontro, 2001

- Shiva, l'asceta erotico,
Doniger Wendy, Adelphi Collezione Ramo d'Oro

- La raccolta della roccia blu : cento casi zen modello di tutti i Koan,
Thomas Cleary, Ubaldini, 1978/79

- Zen radicale. I detti del maestro Joshu,
Astrolabio, 1979

- Sutra del Loto,
Rizzoli BUR, 2001

La saggezza del Sutra del Loto, Esperia,
1998

- La trasmissione della mente separata dalla dottrina,
Charles Luk, Ubaldini