dakini

Daniel Odier

L'intera realtà è immediata.

La freschezza assoluta di ogni istante fluisce ed il corpo infinito dello yogi e della yogini, non ostacolato dalla memoria e dalla proiezione, reagisce nell'istante, spontaneamente, conosce nell'istante, dimentica nell'istante, poiché la pienezza non lascia alcuna scoria sul rubino del cuore.
Questa rugiada al cuore di ogni cellula, raccoglietela!
Il suo fremito infimo e continuo è la vostra stessa natura.
Senza limite, della medesima essenza e della medesima natura di tutto ciò che vive, non più separazione.
Nella danza, non più identità separata, tutto è connesso, tutto è immagine e riflesso all'infinito.
Far fronte alla realtà vedendo in ogni cosa la manifestazione dell'essenza del Cuore.
Nessun blocco emozionale, nessun blocco del pensiero discriminante, nessuna chiusura del corpo.
Nessuna fuga, nessuna ricerca.
Nessun evitamento, nessuno scontro.
In questa apertura , tutto è yoga.
Essere uno con le cose.
I pensieri hanno la natura dello spazio
Il corpo ha la natura dello spazio
Le emozioni hanno la natura dello spazio
La materia ha la natura dello spazio
Libera e senza limiti dalle origini La nostra vera natura non è che spazio
Nulla può bloccarla o limitarla
L'attaccamento al corpo è fonte di sofferenza, La realizzazione del corpo spaziale è la liberazione.
Lasciatevi danzare nell'universo.
Nulla di fisso in alcun luogo.
Nessuna materia inanimata.
Tutto è movimento. Tutto è connesso.
Senza la minima volontà individuale, lasciate il vostro corpo obbedire al mondo.
Lentezza e felicità sono al centro del corpo cosmico.
Essere centrati, è perdere la periferia.
Perdere la periferia, è perdere il centro.
Perdere il centro è essere centrati.